L' I.N.F.N. ed il Trasferimento Tecnologico

(Articolo a cura del Prof. F. de Notaristefani)

L'Unità Nazionale per il Coordinamento della Formazione Esterna ed il Trasferimento Tecnologico è stata costituita per realizzare le finalità indicate nelle Convenzioni firmate tra l'INFN la Confindustria e la Confapi. 
L'INFN, il cui fine istituzionale è la ricerca fondamentale nel campo della fisica delle particelle elementari ed in quello della fisica nucleare di base, ha da sempre collaborato con l'Industria Nazionale. Tale interazione ha permesso all'Ente di partecipare in modo competitivo alla realizzazione delle complesse strumentazioni nell'ambito delle Collaborazioni Internazionali cui partecipa, ma, nel contempo, produce un trasferimento di tecnologie che rende le nostre imprese più competitive sul mercato. 
Oggetto delle Convenzioni è rendere il dialogo con le Imprese più organico e sistematico e, a tal fine, è stato individuato un certo numero di azioni da intraprendere in comune: 

a) Formazione Esterna, che consiste in "stages" presso le Unità Operative dell'Ente di personale dipendente in prevalenza dalle PMI che permettano un trasferimento diretto del "know-how" proprio dell'INFN. Tale programma deve essere realizzato in stretta collaborazione con le realtà industriali locali tenendo conto delle loro esigenze e della "ricettività" offerta dalle Unità Operative. 

b) Percorsi formativi per studenti che permettano loro di avvicinarsi alle tecnologie più avanzate e concorrano all'integrazione del loro bagaglio culturale. 

c) Individuazione di tematiche tecnologiche, scaturite dai programmi scientifici dell'INFN, che possano avere un interesse per il mondo imprenditoriale e che consentano di avviare comuni azioni di sviluppo. 

d) Favorire l'allargamento del mercato delle nostre Imprese sul piano internazionale ed avviare collaborazioni che rientrino nei programmi della Comunità Europea. 

e) Stimolare e favorire un più stretto contatto tra l'Università e le Imprese (ad es. BIC LAZIO), promuovendo la formazione di Imprenditorialità Giovanile nel settore delle Tecnologie Avanzate. 

Questo programma, che tende a rafforzare la presenza dell'INFN nelle realtà industriali, sociali ed economiche del territorio, ha un duplice scopo: quello di concorrere ad incrementare la competitività e l'innovazione delle nostre imprese e quello di trasmettere un messaggio concreto, ovvero, che la ricerca fondamentale non è un bene riservato ad una ristretta cerchia, bensì un bene della Nazione che concorre in modo essenziale alla dinamica del suo sviluppo. 

Prof. Francesco de Notaristefani 
Presidente Coordinamento Nazionale 
Formazione Esterna e Trasferimento Tecnologico